Prevenire la piacevolezza: proteggere la resilienza personale

Attraversiamo tutti momenti difficili e per molti di noi gli ultimi 18 mesi sono stati proprio questo: una vera prova della nostra resilienza personale. L’isolamento da amici e familiari, i timori per la nostra salute fisica e la mancanza di sicurezza sul lavoro hanno avuto un effetto marcato sulla nostra salute mentale, e comprensibilmente.

Anche se le restrizioni che un tempo governavano le nostre vite continuano ad allentarsi e i programmi di vaccinazione si stanno diffondendo ulteriormente in tutto il Regno Unito, è chiaro che il COVID-19 è qui a lungo termine, causando ulteriore ansia per molte persone mentre tornano sul posto di lavoro.

Nonostante ciò, molti di noi non si stanno aprendo su queste preoccupazioni, con troppe persone che soffrono di “piacevoleismo sul posto di lavoro” – sentendosi incapaci di esprimere come si sentono veramente e invece devono comportarsi come se tutto fosse “ok” di fronte a loro colleghi.

Infatti, la recente ricerca, Keeping up Appearances: How Pleasanteeism is Eroding Resilience, ha rivelato che oltre la metà (51%) delle persone si sente sotto pressione per assumere una faccia coraggiosa al lavoro, mentre un quarto (25%) è preoccupato di avere essere la versione migliore di se stessi quando tornano al lavoro e quasi uno su cinque (19%) è preoccupato che il proprio stress sia visibile agli altri.

Man mano che i luoghi di lavoro riaprono gradualmente e le persone cercano di tornare a modi di lavoro “normali”, è fondamentale che le persone diano la priorità al proprio benessere mentale. Può sembrare difficile da fare, infatti, oltre due terzi (69%) delle persone ha affermato che esistono barriere per ottenere supporto per la salute mentale, mentre più di un terzo (36%) vuole prendere il controllo della propria salute mentale ma non non so come. Tuttavia, ci sono diversi semplici passi che le persone possono intraprendere, che iniziano tutti con l’apertura di un dialogo onesto sulla salute mentale sul posto di lavoro.

Leggi anche  Come gestire lo stress a breve termine

Allora, perché non iniziare ora?

Crea opportunità per entrare in contatto con i tuoi colleghi

Sappiamo che non è sempre facile parlare della propria salute mentale. Ma a volte è più facile quando ti senti come se stessi parlando con Carla a cui piace andare a cavallo, o Marco della tua squadra di calcetto, piuttosto che Carla delle risorse umane o il tuo manager Marco.

Che si tratti di cercare cose in comune o andare a bere qualcosa dopo il lavoro, trova il modo per entrare in contatto con i tuoi colleghi e vederli come le persone che sono veramente. Potresti scoprire che a volte lottano anche con la loro salute mentale.

Ricordati di praticare la cura di te stesso

Non preoccuparti se i cani verso il basso non sono la tua marmellata. Lo yoga non è per tutti, ma la cura di sé lo è, qualunque cosa appaia per te. Fai una passeggiata, fai un bagno, dipingi della ceramica o colora. Trova piccole pratiche consapevoli che ti piacerà incorporare nella tua vita quotidiana per metterti sulla strada per una maggiore resilienza.

Sappi che va bene fare un passo indietro

Con il lavoro a distanza che invade l’equilibrio tra lavoro e vita privata per molti di noi, assicurati di costruire in tempo per fare un passo indietro e trovare un po’ di spazio. Che si tratti di venti minuti per fare un bilancio davanti a una tazza di tè o di un’ora di distanza dal telefono a pranzo, considera prioritario il check-in con te stesso. Siamo tutti colpevoli di lavorare fuori orario ogni tanto, ma la possibilità di tirarti fuori, calmarti e ricalibrarti farà miracoli per la tua salute mentale e la tua capacità di affrontare giornate impegnative e ad alta pressione.

Leggi anche  L'insalata della dea verde cotta al forno da Melissa sta dominando TikTok

Quando si tratta di salute mentale, sappiamo che non esiste un approccio giusto per tutti: ciò che potrebbe funzionare per te potrebbe non funzionare per gli altri. Tuttavia, mentre ci adattiamo alla nuova realtà di imparare a convivere con il COVID-19, è fondamentale iniziare a richiamare l’attenzione sull’importanza della salute mentale sul lavoro.

È solo aprendo la conversazione che possiamo sostenerci a vicenda per essere il più sani, resilienti e felici possibile. Ed è un passo che possiamo fare insieme: parlare tra di noi delle nostre preoccupazioni aiuterà a dimostrare agli altri che va bene fare lo stesso, a sua volta, migliorando la salute mentale e costruendo la resilienza.

Azioni così facili possono davvero fare la differenza.