La guida definitiva alla gestione delle zanzare in fattoria

proteggere gli animali da fattoria dalle zanzare

Gli americani sono giunti a fare affidamento su un approvvigionamento alimentare abbondante, conveniente e sicuro. Si tratta di garanzie fornite da una rete efficiente di oltre 2 milioni di aziende agricole, il 97 per cento delle quali gestite da famiglie.

Proteggere i terreni agricoli dalle malattie trasmesse dalle zanzare è fondamentale per garantire la continuità della catena alimentare. Le zanzare sono più che un fastidio nella fattoria; sono una minaccia per la sua stessa salute e sostentamento.

Le zanzare non solo portano malattie pericolose, ma non discriminano nemmeno tra mucche, cavalli, capre, esseri umani o qualsiasi altra creatura a sangue caldo che esala anidride carbonica. Tutti sono potenziali bersagli su quelli che sono tradizionalmente terreni fertili per queste fastidiose creature.

L’importanza del controllo delle zanzare in fattoria

Le malattie trasmesse dalle zanzare rappresentano una minaccia per il bestiame in tutto il paese. Le operazioni agricole si basano su animali sani e puliti per essere in grado di fornire il cibo sicuro e delizioso su cui gli americani contano giorno dopo giorno.

Il controllo delle zanzare del bestiame è così importante perché gli animali costantemente tormentati dalle zanzare non si nutrono adeguatamente. Non è raro che mucche e capre forniscano meno latte mentre bovini, ovini e pollame possono perdere peso. Le zanzare trasmettono virus che causano l’encefalite nei cavalli e la mixomatosi nei conigli.

È impossibile che l’agricoltura avvenga senza acqua, e lo stesso vale per le zanzare. Le moderne operazioni agricole di oggi, piene di acri di terra, macchinari, edifici e veicoli, creano tipicamente microambienti perfetti in cui le zanzare possono sopravvivere e riprodursi.

Sapere che le zanzare sono un potenziale problema è il primo passo per evitare il flagello. Ci sono modi in cui le odierne operazioni agricole possono mitigare efficacemente il rischio di zanzare.

Controllo delle zanzare per l’azienda agricola

Tre principi di base

  1. Garantire la prevenzione o l’eliminazione delle acque reflue rimaste ferme per più di quattro giorni.
  2. Mantenere la proprietà irrigata in modo che non rimanga acqua in superficie per più di quattro giorni.
  3. Mantenere adeguatamente l’area intorno a stagni, fossi e zone umide poco profonde.

Qualsiasi specchio d’acqua in piedi rappresenta il luogo di deposizione delle uova perfetto per le zanzare. Vivono in stagni, fossi, campi e contenitori. Vecchi pneumatici, vaschette per uccelli, grondaie intasate, coperchi dei bidoni della spazzatura e persino ciotole per il cibo per animali domestici possono rivelarsi luoghi di riproduzione delle zanzare ben accetti se non adeguatamente risciacquati.

I corpi idrici naturali permanenti, come stagni o zone umide, non sempre rappresentano un buon ambiente per le zanzare a causa della presenza di insetti predatori e pesci. Al contrario, corsi d’acqua molto infestanti e poco profondi che ricevono una discreta quantità di deflusso in eccesso da fertilizzanti o letame possono essere un paradiso per le zanzare.

Prevenire tale deflusso attraverso un drenaggio adeguato, un uso minimo di fertilizzanti e zone cuscinetto tra campi aperti e zone umide. Controllando le erbacce, i predatori naturali possono cacciare più efficacemente le zanzare. I corsi d’acqua naturali tendono anche a creare pozze stagnanti mentre si fanno strada attraverso la proprietà.

Ecco alcuni modi per impedire a Madre Natura di intralciare un buon controllo delle zanzare:

  • Assicurati che giunchi e tife siano diradati e che le foglie vecchie non si stiano accumulando.
  • Se le zone umide poco profonde sono un problema, falciale durante la stagione secca.
  • Se un ruscello sta formando pozze stagnanti, scavare piccoli fossati per collegare il ruscello alle pozze.

Le fattorie costiere devono anche essere vigili per evitare l’acqua stagnante creata dalle maree o dalla pioggia. Questo problema può essere efficacemente gestito scavando fossati che aiutano nel drenaggio una volta che la pioggia cessa o scende la marea.

In alcuni casi un argine con un cancello di marea terrà fuori l’acqua salata dell’alta marea mentre l’acqua dolce defluisce quando la marea si ritira.

Ecco alcune considerazioni aggiuntive quando si crea un piano di controllo delle zanzare in fattoria:

  • Mantenere i sequestri: l’acqua sequestrata è un luogo ideale per la riproduzione delle zanzare, a meno che non vengano prese le misure adeguate per mantenerle. Classificare correttamente i lati e il fondo, prevenire la vegetazione invasa e rifornirla di pesci insettivori.
  • Fossati di drenaggio: qualsiasi fossato che potrebbe finire per trattenere l’acqua per più di quattro giorni è un potenziale terreno fertile per le zanzare. Prova ad arare in qualsiasi fossato dopo l’irrigazione.
  • Strutture riparate: un cancello di testa che perde o strutture di scambio potrebbero potenzialmente creare pozze di acqua stagnante. Durante la costruzione o la ristrutturazione di questi edifici, assicurarsi che l’acqua non possa fuoriuscire intorno o sotto le strutture. Qualsiasi cancello deve adattarsi abbastanza bene che l’acqua non fuoriesca.
  • Mantieni le condizioni della strada: anche la più piccola buca o solco stradale può essere accogliente per le zanzare durante la stagione più calda. Queste acque contengono pochi o nessun predatore e potrebbero trovarsi su strade che non vedono spesso traffico. Inoltre, mantieni le aree di drenaggio e i fossati sgomberi da detriti o intasamento. L’acqua piovana deve essere drenata in modo efficace per evitare ristagni.
  • Usa un’illuminazione diversa: ci sono più fonti di luce in qualsiasi fattoria. Poiché le zanzare sono attratte dalla luce, questa potenziale responsabilità può essere trasformata in un vantaggio. Oltre ad attenuare o spegnere le luci, esistono tipi specifici di luci che possono essere utilizzate per allontanare le zanzare. Le luci gialle a incandescenza o fluorescenti nella stalla o nella stalla forniscono un bersaglio molto meno attraente per le zanzare.
  • Fai attenzione ai buchi degli alberi: la zanzara del buco degli alberi occidentale fa affidamento sull’acqua piovana che si accumula nei buchi degli alberi per sviluppare le sue larve. I buchi degli alberi possono essere trovati in vecchi frutteti, paesaggi e alberi selvatici. Per evitare di disturbare il potenziale habitat degli uccelli nei mesi estivi, prova a praticare un semplice foro sul fondo del buco dell’albero.
  • Imposta trappole: ammettiamolo: alcune fattorie sono grandi e non è sempre facile individuare ogni singola pozza di acqua stagnante. Potrebbero esserci casi in cui le zanzare si stanno riproducendo nella proprietà. Tieni a bada quelli che riescono a vivere piazzando trappole.
  • Utilizzare i sistemi di flusso di ritorno: garantire che le acque reflue vengano riutilizzate non è solo più efficiente ed economico, ma aiuta anche a ridurre la popolazione di zanzare. Pozze d’acqua in eccesso in un pozzetto nel punto più basso del campo. Una pompa a bassa portata sposta quindi l’acqua in una tubazione che la reimmette nel sistema di irrigazione. Riutilizzando le acque reflue, qualsiasi fertilizzante viene riutilizzato, riducendo la necessità di altro. Queste sono solo alcune tecniche di irrigazione per il controllo delle zanzare. Garantire che i terreni agricoli circostanti e gli edifici associati non dispongano del tappeto di benvenuto per le zanzare è solo metà della battaglia. Dove ci sono animali, potrebbero esserci zanzare. Fortunatamente, ci sono tecniche specifiche per gli animali che possono aiutare a tenere a bada le sanguisughe.
Leggi anche  10 profumi che respingono le zanzare

Controllo delle zanzare per i cavalli

È un pensiero che fa riflettere che questi minuscoli insetti possano causare problemi molto seri a un cavallo di 1.000 libbre. Rappresentano più di un semplice fastidio. Proteggere i cavalli dalle zanzare è particolarmente importante considerando che ci sono quattro diversi virus trasmessi dalle zanzare che possono devastare il cervello del cavallo:

  • Encefalomielite equina orientale (EEE)
  • Encefalomielite equina occidentale (RAEE)
  • Encefalomielite equina venezuelana (VEE)
  • Virus del Nilo occidentale (WNV)

C’è stato un enorme salto nel solo virus del Nilo occidentale dal 2000, quando il primo caso è stato identificato negli Stati Uniti nordorientali. Ci sono voluti solo due anni prima che il virus si diffondesse nei 48 stati continentali contigui.

Ci sono vaccini che sono abbastanza efficaci nel prevenire l’infezione da una delle principali malattie equine trasmesse dalle zanzare.

Oltre ai vaccini, tuttavia, ci sono tecniche che i proprietari di cavalli possono utilizzare che aiutano a limitare i luoghi di riproduzione delle zanzare:

  • Acqua stagnante: può sembrare che l’abbiamo già sentito prima, ma è sempre il più importante. Il primo passo per un efficace controllo delle zanzare è sempre drenare ed eliminare l’acqua stagnante o stagnante. Se i cavalli si stanno idratando attraverso uno stagno o un abbeveratoio, è importante assicurarsi che le fonti di abbeveraggio siano adeguatamente sciacquate e mantenute libere da erbacce e crescita eccessiva.
  • L’area della stalla: L’area della stalla è il luogo in cui i cavalli sono più sedentari e suscettibili alle punture di zanzara. Assicurati che la vegetazione umida venga rimossa e che tutte le aree di acqua stagnante vengano risciacquate o riempite. Il controllo delle zanzare stabili e da stalla è particolarmente importante considerando che è qui che gli animali trascorrono la maggior parte del loro tempo.
  • Circolazione dell’aria: l’aria stagnante può essere pericolosa quanto l’acqua stagnante. L’aria immobile intrappola l’umidità e i piacevoli odori di zanzara come letame e immondizia. Prova a installare i ventilatori in tutto il fienile o nella stalla per tenere in movimento le zanzare.
  • Affluenza al pascolo: l’affluenza al pascolo serale è particolarmente popolare nei mesi più caldi. Sfortunatamente, le zanzare sono più attive tra il tramonto e l’alba. Quando possibile, evitare l’affluenza notturna al pascolo, specialmente nelle aree vicine a fonti d’acqua.
  • Irrigazione al pascolo: assicurati di drenare il pascolo dall’acqua in eccesso entro 24 ore dall’irrigazione. In questo modo si riducono le scottature e le erbacce. Assicurarsi che le pendenze siano classificate per un corretto drenaggio. Un canale di drenaggio all’estremità inferiore può anche ridurre i punti d’acqua stagnanti indesiderati. Al di là dell’apparentemente semplice atto di una zanzara che trasmette un virus mortale, un efficace controllo delle zanzare degli allevamenti di cavalli impedisce a questi maestosi animali di danneggiare se stessi e la proprietà. È noto che i cavalli reagiscono violentemente agli sciami di zanzare. Alcuni sciami possono diventare abbastanza grandi da far sì che un cavallo salti letteralmente attraverso le recinzioni dei pascoli. I danni agli zoccoli possono anche derivare da cavalli che calpestano continuamente la terra in risposta a mosche e zanzare. Sia le coliche che le abitudini alimentari interrotte rimangono un pericolo in presenza di sciami di zanzare incessanti. Oltre ai cavalli e ai canali di scolo, molte fattorie moderne hanno anche problemi di bestiame.
Leggi anche  Cosa sono le VIBRISSE?

Dove si inseriscono bovini, polli e capre nella prevenzione delle zanzare?

Controllo delle zanzare per il bestiame

Se è vero che i cavalli e gli uccelli selvatici sono maggiormente a rischio di zanzare, anche il bestiame come bovini e polli è vulnerabile. Gli animali raccolti in un’area, forse intorno a uno specchio d’acqua, forniscono un fertile terreno fertile per le zanzare.

Prova i seguenti passaggi per assicurarti che il bestiame sia tenuto lontano dalle zanzare sciame:

  • Ispezionare periodicamente i campi per il drenaggio o le aree che devono essere livellate o riempite. Ci sono spesso piccole aree di acqua stagnante che possono essere riempite a mano.
  • Assicurati che gli animali rimangano lontani dal pascolo quando il terreno è molto soffice. Gli zoccoli del bestiame creano l’habitat perfetto per le zanzare quando si imprimono nella morbida terra. Lasciare che il terreno si indurisca prima di rilasciare gli animali nel pascolo non solo previene l’habitat delle zanzare, ma protegge anche le radici del raccolto di foraggio.
  • Tieni i campi in rotazione in modo che ogni pascolo possa asciugarsi e crescere tra irrigazioni e pascoli. Fallo suddividendo la vasta area di pascolo in una serie di campi più piccoli. Questa pratica aiuta anche a prevenire danni agli zoccoli, aumentare la produzione di pascoli irrigati e promuovere un apparato radicale più sano, consentendo una migliore penetrazione dell’acqua.
  • Non utilizzare fertilizzanti in eccesso, che possono infiltrarsi nell’acqua di irrigazione e promuovere la produzione di zanzare nei fossati e nelle pozze più a valle. Il controllo delle zanzare per polli, capre o altri animali da fattoria sarà relativamente lo stesso. Come per le scuderie, le fattorie e i fienili, assicurati che i colpi di pollo siano dotati di un’illuminazione che respinga le zanzare e gli insetti volanti. Mantieni la circolazione dell’aria e fai sempre attenzione all’acqua stagnante.
Leggi anche  Hubble cattura tre galassie che si uniscono per formarne una mentre la gravità prende il controllo

Controllo biologico delle zanzare

Gli insetti si rivelano sempre deliziosi spuntini per le creature al di sopra della loro posizione nella catena alimentare. In molti casi è solo un insetto più grande e più cattivo che finisce per godersi un pasto a base di zanzare, anche se ce ne sono molti nel regno animale che mettono anche le zanzare nel loro menu.

Per il controllo degli insetti, prova le libellule. Le ninfe libellule sono pericolose per le zanzare in entrambe le fasi della vita. Mangiano le larve di zanzara nella loro fase di ninfa, quindi banchettano anche con gli adulti dopo che si sono trasformati. Lascia cadere le ninfe in stagni o altri specchi d’acqua che sono tenuti lontani dalle erbacce.

Sebbene una popolazione di pipistrelli vivi possa essere più difficile da trovare, qualsiasi loro nido intorno alla fattoria dovrebbe essere accolto con favore per le loro tendenze a mangiare le zanzare. Si possono anche costruire case di pipistrelli o grotte di pipistrelli per attirare le creature mangiatori di zanzare. Contrariamente alla credenza popolare, i mammiferi hanno più da temere da una zanzara succhiasangue che da un pipistrello. Pochissime specie di pipistrelli in tutto il mondo succhiano effettivamente il sangue.

Forse gli agenti biologici più efficaci per il controllo delle zanzare sono i pesci mangiatori di zanzare. Pesci come le comete Koi, Shubunkin e Sarasa possono mangiare fino a 500 larve di zanzara al giorno. Come sempre, prima dell’immagazzinamento, verificare con il dipartimento locale della pesca e della selvaggina in merito alle normative locali.

Considerazioni sul controllo delle zanzare

Il controllo degli insetti può sembrare un compito arduo, non ultimo a causa della loro capacità di recupero nel corso delle stagioni. La gestione di questo problema durante l’esecuzione di una farm presenta anche una serie unica di sfide.

Sebbene sostanze chimiche, nebulizzatori e larvicidi siano un’opzione, la terra aperta, la vegetazione e vaste aree di bestiame presentano una complicazione. Mentre alcuni agenti biologici prendono di mira solo le larve di zanzara, altri possono essere potenzialmente tossici per le colture o il bestiame. Considerazioni giurisdizionali entrano in gioco poiché alcuni comuni approvano forme limitate di controllo chimico.

Ci sono anche considerazioni sulla terra quando gli agricoltori considerano di cambiare la configurazione della proprietà o dei terreni adiacenti per prevenire il terreno fertile per le zanzare. Se le zone umide adiacenti alla fattoria sono fertili focolai di zanzare, tieni presente che parte della vegetazione delle zone umide è protetta. Esistono, tuttavia, diversi tipi di alterazioni che possono aiutare a ridurre la popolazione di zanzare senza danneggiare l’ambiente naturale. Come sempre, consultare il comune locale è essenziale per garantire che nessuna legge venga violata o che la terra protetta non venga modificata.

Quando si considera l’aggiunta di pesci mangiatori di zanzare alle acque intorno alla proprietà, è necessario seguire anche le regole sulle specie invasive. In molte giurisdizioni è illegale per i privati ​​​​introdurre pesci nelle acque naturali. Fortunatamente, la tecnologia offre una risposta. Sono disponibili dispositivi in ​​grado di attirare, catturare o uccidere le zanzare in un modo molto innocuo e relativamente poco costoso. Se si considerano tutte le opzioni disponibili per le grandi aziende agricole già abituate all’innovazione tecnologica, le trappole per zanzare specializzate potrebbero essere la strada da percorrere.

Un esempio di macchine efficienti per la cattura delle zanzare sarebbero quelle che emettono un gas innocuo e attirano gli insetti in una trappola dove poi si disidratano e muoiono.

Indipendentemente dal modo in cui l’agricoltore moderno di oggi elimina le onnipresenti minacce di zanzare, il fatto è che la minaccia sta crescendo. Non solo un efficace controllo delle zanzare protegge la salute e il benessere di persone, cavalli e bestiame, ma mantiene anche la catena di approvvigionamento alimentare americana che ronza senza interruzioni.

Se invece stai cercando dei rimedi naturali ed efficaci per la lotta alle zanzare allora leggi questo articolo.