Cura dei contenuti. Se sei nel marketing, probabilmente pensi a questo ovunque ti trovi. Ma che dire dei professionisti dell’apprendimento?

Se hai qualcosa a che fare con l’aiutare le persone migliorare le loro conoscenze, crediamo che parte del tuo lavoro dovrebbe essere il divenire un curatore di contenuti.

Che cosa significa e cosa comporta? Buona domanda e punto di partenza.

Cosa fa un curatore di contenuti?

Un curatore di contenuti è qualcuno che trova, raggruppa, organizza e condivide continuamente i contenuti migliori e più pertinenti su un problema specifico online. La componente più importante di questo lavoro è la parola “continuamente”.

Proprio come il curatore di un museo, i curatori di contenuti sono responsabili di setacciare, ordinare e condividere ciò che considerano il miglior contenuto per il loro pubblico. Sono responsabili di mantenerlo pertinente, fresco e coinvolgente, quindi le persone continuano a tornare.

I team di Content Marketing lo hanno già capito. La cura dei contenuti come parte di una strategia di web marketing globale è un ottimo modo per creare un pubblico per il tuo marchio. Aiuti a mantenere informato il tuo pubblico e aggiungi valore senza essere apertamente autopromozionale.

Ottimo per il marketing. Ma il valore della content curation è molto più ampio.

scrivi-per-tuo-pubblico-audience

Cosa ha a che fare con l’apprendimento?

Gli ultimi due decenni di apprendimento online sono stati dominati dai corsi. Li prendi, li segui, li passi, e il gioco è fatto. Se vuoi acquisire le basi e raggiungere un certo livello, i corsi sono un ottimo modo per farlo.

Ma il problema è, cosa c’è dopo? I corsi diventano obsoleti velocemente. Ogni giorno vengono pubblicati nuovi contenuti nelle nostre nicchie e e sugli argomenti di nicchia. Il miglior corso sui Big Data o sull’intelligenza artificiale, sono obsoleti già domani.

Se non tieni il passo con gli ultimi contenuti nel tuo campo di specializzazione, “diventerai irrilevante”.

Tutti sanno quanto sia importante rimanere aggiornati e continuare a imparare, altrimenti le nostre capacità si deteriorano.

Ma la principale modalità di apprendimento sono ancora i corsi. Non è quello che vogliono le persone. Il rapporto Towards Maturity Benchmark del 2016 ha mostrato che

  • Il 60% afferma di imparare di più da fonti esterne rispetto ai corsi formali
  • Il 70% trova le fonti web esterne essenziali o molto utili (contro il 47% per l’e-learning)
  • Sale all’81% per i dirigenti senior

Quindi le persone guardano comunque oltre il corso. È una sfida per chi fa corsi pensare in modo diverso dal loro ruolo. Invece di creare solamente dei corsi, rendi più facile per le persone trovare e utilizzare risorse esterne. Un plus che potresti rivenderti e che potrebbe far distinguere dagli altri.

Questo è importante, perché non è così facile. Ci sono troppi contenuti e troppo poco tempo. Non è efficiente o produttivo per ognuno di noi controllare più siti, fonti e social media ogni giorno sperando di trovare le cose buone. Se solo ci fosse qualcuno che potesse vagliare tutti i rumors e portare i contenuti pertinenti e di valore all’attenzione di che ne ha bisogno.

Ma questo come si coniuga con le necessità di un’azienda?
… portando i contenuti pertinenti e di valore all’attenzione dei vari team interni!

I curatori di contenuti aiutano i vari team aziendali a rimanere aggiornati e possono aggiungere un enorme valore.

10 motivi per cui dovresti avere in azienda un curatore dei contenuti

  1. Stai dando ai tuoi team quello che vogliono veramente. I corsi formali rappresentano solo circa il 10% di come apprendiamo. Il resto della nostra intuizione arriva attraverso l’apprendimento informale e sociale gli uni dagli altri. I contenuti così curati si adattano perfettamente alle nostre preferenze, in ciò che viene chiamato “apprendimento quotidiano”.
  2. Stai risparmiando tempo alle persone. Towards Maturity ha rilevato che due terzi dei leader affermano di avere difficoltà a trovare il tempo per imparare e il 44% non riesce a trovare ciò di cui ha bisogno, nonostante abbia il desiderio di farlo. Si stima che il knowledge worker medio spenda 9,5 ore a settimana alla ricerca di informazioni. Se potessi ridurlo solo del 10%, cosa significherebbe per l’efficienza e la produttività della tua organizzazione?
  3. Stai aggiungendo valore. Non stai solo aggregando contenuti da più fonti. Questo è ciò che fanno le macchine. Avresti un filtro umano intelligente, attirando l’attenzione su ciò che conta davvero, perché comprende il tuo pubblico, le loro esigenze e il loro contesto. È un servizio molto personalizzato e si adatta molto bene alle tue necessità se fornisci gli strumenti giusti.
  4. Sei super reattivo. Se un team di vendita desidera un briefing sulle ultime tendenze della nanotecnologia, o una panoramica di un nuovo potenziale cliente, o una serie regolare di approfondimenti sui prezzi, i curatori efficaci con gli strumenti giusti possono rispondere rapidamente. Probabilmente senza informazioni adeguate, quando creerai il tuo prossimo prodotto, o servizio, le necessità saranno già cambiate.
  5. Stai aiutando i team a rimanere intelligenti. Piuttosto che produrre prodotti o servizi che diminuiscono di rilevanza nel tempo, i curatori efficaci tengono continuamente informati i team su ciò che conta, per loro e per la clientela. Diventano una risorsa di riferimento.
  6. Stai costruendo la tua esperienza. Un grande vantaggio collaterale dell’avere un curatore di contenuti è che consuma un’enorme quantità di informazioni per filtrare e selezionare ciò che è rilevante. Per il suo sviluppo personale, è un ottimo modo per rimanere lucido e sviluppare le sue abilità.
  7. Stai creando una risorsa duratura. I contenuti curati, se ben gestiti, restano rilevanti nel tempo. C’è un valore a lungo termine nella raccolta manuale dei migliori articoli sulla leadership delle vendite, sui prezzi o sulle capacità di negoziazione da fonti autorevoli. Diventano i nuovi siti di riferimento e basi di conoscenza. I tuoi team leader avranno sempre la situazione aggiornata e potranno facilmente formare e mettere in pari un nuovo ingresso nel team.
  8. Stai aiutando le persone a essere autodirette. L’88% dei professionisti desidera farsi carico della propria esperienza di apprendimento. I contenuti selezionati sono self-service. Non è un’esperienza lineare forzata come un corso, stai offrendo contenuti pertinenti a cui le persone possono attingere.
  9. Stai incoraggiando la condivisione e il lavoro ad alta voce. Il modo migliore per imparare è attraverso la condivisione delle conoscenze in piccoli gruppi mirati. I grandi curatori non si presentano come esperti che hanno l’ultima parola su un argomento. Iniziano la conversazione dicendo perché un articolo è rilevante e invitano le persone a commentare. Il curatore di contenuti è il motore che aiuta i team a condividere approfondimenti e ad allenarsi ad alta voce.
  10. Stai innovando. I team hanno bisogno di nuovi approcci per aiutare i propri membri a gestire il sovraccarico di informazioni e l’aumento della pressione competitiva. Se potessi dire al tuo dipendente che puoi aiutarlo a rimanere aggiornato su qualsiasi argomento, in meno di 10 minuti al giorno, senza bisogno di un corso, continuerebbe a cercare?

Pronto a farci indossare il tuo mantello da curatore? Ti offriamo un servizio di contenuti pertinenti da inserire nel tuo blog e condividere velocemente in altre piattaforme.

Contatti

  • +39 366.477.53.53

  • info@officinaseo.it

  • pec@pec.officinaseo.it

  • Richiesta informazioni e preventivi

Tutti i campi sono obbligatori

1 o più servizi