Le blatte – o scarafaggi – che troviamo nei nostri locali sono in genere di due categorie: blattella germanica e blatta orientalis.scarafaggio

La Blattella (o blatta) germanica, è un piccolo scarafaggio, dalla forma snella e allungata di dimensioni che variano dai 1,3 cm ai 1.6 cm di colore marrone chiaro in alcuni casi tende al colore rosso. blattella germanica

La loro testa risulta piu piccola del corpo e sono facilmente identificabili avendo due strisce nere sul dorsale.

Le blatte depongono le ooteche (uova) una femmina adulta arriva a deporre fino a 8 ooteche con all’interno dai 30 ai 40 esemplari,le ooteche schiudono ogni tre settimane.

La blatta e’ un insetto lucifugo, si attiva prevalentemente di notte. Qualora la blatta dovesse essere avvistata di giorno, molto probabilmente, si ha a che fare con un’infestazione (grave).
La blatta si annida in posti bui e poco raggiungibili, specie se risultano caldi ed umidi come un motore frigo, una lavastoviglie, dietro i pensili, dietro le lavatrici. La blatta germanica spesso infesta i locali tramite trasporto. Nello specifico, può essere portata negli ambienti interni con cassette della verdura, buste della spesa, cartoni.
Per quel che riguarda le abitazioni, l’infestazione può avvenire, ad esempio, se il vicino ha già problemi d’infestazioni con le blatte. La blatta riesce a passare sotto le porte, a risalire le pareti, negli appartamenti al piano terra possono entrare dalle finestre, se nel giardino si ha presenza di questo insetto infestante.

La Blatta Orientalis, viene identificata spesso come un semplice scarafaggio nero. È tra le più comuni blatte che si possono incontrare, facilmente riconoscibile dal suo colore, come menzionato in precedenza, nero. La loro lunghezza varia dai 2,5 cm ai 3,3 cm.

blatta orientalis Gli esemplari maschi di Blatta Orientalis sono dotati di ali, ma questo non permette loro di volare. A parte la lunghezza, che per i maschi è di circa 2,5 cm, le ali sono uno dei modi per distinguerli dagli esemplari femmina, che invece raggiunge la lunghezza di 3,3 cm.

La vita media di una Blatta Orientalis varia, dai 35 ai 180 giorni per la femmina, che in questo lasso di tempo riuscirà a riprodursi circa otto volte. La vita media di un esemplare maschio varia invece dai 110 ai 160 giorni.

Le blatte depongono le ooteche (uova) una femmina adulta arriva a deporre fino a 8 ooteche con all’interno un massimo di 16 esemplari, le ooteche schiudono ogni tre settimane.

Come la Blattella Germanica, anche la Blatta Orientalis è sensibile alla luce e si rifugia in anfratti umidi e caldi. A differenza della blatta germanica però, è abituata a sopravvivere anche all’esterno. Non è difficile individuarla mentre si cammina per strada, magari vederla sbucare da sotto il fogliame o da rottami accatastati, piuttosto che da accumuli rocciosi o da dentro un tombino, o dalle fessure di un muro.

La Blatta Orientalis, come tutti gli scarafaggi in generale, amano soggiornare nei pressi di spazzatura, sporco e fonti di cibo facile in generale. Fondamentale per gli scarafaggi è la presenza di acqua. È provato scientificamente che le blatte possono resistere anche un mese senza cibo, ma in assenza di acqua la loro resistenza scende sotto le due settimane.

 

Le blatte in casa : pericolo di infezioni

Oltre al fastidio visivo e del sapere di avere questo insetto in casa, la blattella germanica è portatrice di patologie molto gravi, tra le quali possiamo annoverare EPATITE e SALMONELLA.

blatte e alimenti Il contagio può avvenire facilmente a causa dei loro comportamenti. Le blatte, dopo i pasti, defecano e rigurgitano. Questi gesti avvengono con una certa frequenza ma, la cosa che più preoccupa, è che lo fanno anche sugli alimenti dove hanno appena effettuato il pasto (pane, frutta, pasta, etc. etc.) quindi, inconsapevolmente, potremmo contrarre queste patologie andando successivamente a mangiare questi alimenti. Come per la Blattella Germanica, anche per la Blatta Orientalis, oltre al fastidio visivo e nel sapere di avere questo insetto in casa, il rischio maggiore consiste nel fatto che è portatrice di patologie molto gravi, più che la blattella germanica. Oltre l’Epatite e la Salmonella infatti, la Blatta Orientalis è portatrice di Colera, Escherichia Coli, di Poliomielite e Dissenteria.

 

Locali da monitorare e i segnali di infestazione

La blatta non ha delle preferenze specifiche. Sicuramente risultano maggiormente aggrediti i locali adibiti alla lavorazione di alimenti (supermercati, bar, ristoranti, forni, pasticcerie, pub, pizzerie, macellerie, etc. etc.), perché spesso le blatte vengono trasportate dai fornitori di questi esercizi commerciali. Altrettanto probabilmente i fornitori hanno, a loro volta, un’infestazione in corso. È altrettanto normale che arrivino in quanto, nei succitati locali, c’è una lavorazione continua di alimenti e bevande, che attirano gli insetti alla continua ricerca di fonti di cibo.

Come accennato poco sopra, gli scarafaggi rifuggono la luce quindi, per vederne uno si deve “provocare il loro spostamento”. Può capitare di muovere inavvertitamente, o anche volontariamente, delle foglie, degli accumuli di detriti o di materiali, spostare dei vecchi mobili o degli elettrodomestici e trovarsi davanti una colonia di scarafaggi che stavano attendendo il calar del sole.

infestazione blatte Vedere degli scarafaggi di giorno aggirarsi spontaneamente per casa, piuttosto che in un cortile o uscire da un tombino, è di per se un segnale molto evidente che esiste una infestazione, ed anche grave.

Questo lo si deduce dalle loro abitudini descritte ovvero, rifuggono la luce ed escono solamente di notte per cercare del cibo. Se avvistiamo una blatta, di giorno, in un luogo aperto, vuol dire che c’è carenza di cibo ed acqua. In una abitazione il segnale è ancora più preoccupante poiché, spesso, la blatta abbandona il rifugio in cerca di cibo durante il giorno quando la colonia è talmente grande che il cibo presente nell’ambiente non è sufficiente per tutti i componenti della colonia.

Un segnale forte della presenza di una colonia nutrita di blatte comuni è il cattivo odore.
Le blatte comunicano con il resto della colonia attraverso delle sostanze chimiche rilasciate per segnalare la loro presenza. Quando è presente un gran numero di esemplari l’odore risulta molto forte, simile a cibo andato a male, acre e pungente.

 

Hai notato la presenza di questi sgradevoli ospiti? Rivolgiti ad Easy Clean per una disinfestazione blatte o scarafaggi, contattaci per un sopralluogo e un preventivo gratuito.